Riproduzione tramite talea

Qui ti spieghiamo come fare talee di camelia, rosmarino, salvia.

“La talea è il frammento di una pianta appositamente tagliato e sistemato in un terriccio speciale o nell’acqua per rigenerare le parti mancanti, dando così vita ad un nuovo esemplare. Il più delle volte si tratta di un rametto o di una foglia, prelevati dalla pianta e destinati a radicarsi. Si tratta di un sistema di riproduzione che sfrutta le enormi proprietà rigenerative dei vegetali, in particolare quella di differenziare il tessuto radicale dal tessuto indifferenziato (meristematico) che si trova in sottilissimi strati sottoepidermici in varie parti della pianta. Infatti la talea può costituirsi a partire da un frammento di foglia, di ramo, di fusto o radice. (tratto da http://it.wikipedia.org/wiki/Talea)

FARE LA TALEA

La talea è il rametto o una foglia di una pianta appositamente tagliato e sistemato nel terreno, nel terriccio, o nell’acqua per rigenerare le parti mancanti, dando così vita a un nuovo esemplare. Il rametto opportunamente trattato e amato, dopo un certo tempo, sveglierà le cellule dormienti e metterà delle nuove radici. E’ il sistema migliore che esista, insieme all’innesto, per riprodurre le piante e perché la nuova piantina mantenga il 100% del patrimonio genetico del genitore (i semi mantengono solo il 50 % del patrimonio genetico).
L’intero iter, dalla talea alla pianta adulta, è un percorso di passaggi obbligati dai quali dipende il successo o meno della nostra operazione di riproduzione. Bisogna comprare/prelevare rametti in salute, scartando le piante che presentano danni lievi o appariscenti, segni di malattia, presente o trascorsa. Bisogna tenere puliti e disinfettati le forbici, i coltelli, i cutter: immergerli in un boccaccio pieno con una soluzione di alcool o prodotti disinfettanti per vivaisti e disinfettarli ogni volta che si usano, per non passare le malattie da un rametto all’altro. E meglio usare ormoni radicanti in polvere o liquidi nei quali immergere anche per pochi secondi il rametto prima di collocarlo nella sede di radicamento. E’ meglio fare un’incisione o un leggero scortecciamento della base delle talee prima di passarle nell’ormone radicante. Infine, per avere successo è meglio prelevare il materiale giusto nell’epoca giusta. Ma le piante sanno che la più grande opportunità che resta a ciascun organismo è quella di riprodursi trasmettendo alle successive generazioni il proprio patrimonio genetico. Per cui faranno di tutto per sopravvivere nonostante i nostri errori e le nostre scelte inconsapevoli.
Si possono raccogliere e riprodotte talee di legno verde, talee di punta, talee di stelo, talee di legno duro, talee di foglia con peduncolo, per incisione e per frammento.
E’ possibile fare talee da legno verde, da punta, da stelo e da foglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...